Studio medico Altramedicina


Autotrazione Lombare

terapia clip image018L’Autotrazione vertebrale è un metodo di trattamento delle lombalgie, cruralgie e sciatalgie originate da una o più ernie discali lombari, ritenute o espulse, da stenosi (ristrettezza) del canale lombare, o da artrosi delle articolazioni lombari. Questo metodo, completamente originale, è stato creato da Gertrud Lind al Karolinska Institutet dell’Università di Stoccolma (Svezia) negli anni ’70, inizialmente per il solo trattamento delle lombosciatalgia da ernia del disco. Utilizza un apposito lettino con piani mobili che permettono di far assumere al paziente una posizione antalgica, cioè senza il dolore.
Partendo da questa posizione si muovono i piani del letto mentre il paziente è comodamente sdraiato. In alcuni casi il paziente viene invitato ad impugnare le sbarre del letto mentre l’operatore muove i piani dello stesso. E’ così possibile modificare le contrazioni muscolari che impediscono i normali movimenti della colonna vertebrale. I dischi, non più sottoposti a pressioni anomale, si disinfiammano e non premono più sulle strutture nervose. Il dolore diminuisce per poi sparire e la colonna può riprendere la sua normale funzione; col tempo, l’ernia discale, divenuta indolore, tende a rimpicciolirsi fino ad essere riassorbita.
Questo trattamento è completamente indolore e privo di rischi.
Dopo la seduta può insorgere, in qualche caso, un limitato aumento del dolore per 24-48 ore, come reazione al trattamento.
E’ importante che ad ogni nuova seduta il paziente riferisca al medico le modifiche intervenute nella sua sintomatologia, nelle varie attività.
Non assumere farmaci antidolorifici prima della seduta, e se questi sono a lunga durata, anche nelle precedenti 12 ore.
Durante la seduta segnalare subito l’insorgenza di dolore o di qualsiasi altra sensazione.
Evitare tutte le posizioni o attività che possano provocare dolore o affaticamento, e astenersi da ogni tipo di sforzo, di esercizi, di sport.
Nonostante i buoni risultati riportati in letteratura 1-4, per vari motivi il metodo di Autotrazione non ha conosciuto un’ampia diffusione.

Abbiamo intervistato il prof. Brugnoni, Ortopedico e Fisiatra che da più di trent’anni si occupa di problemi della colonna vertebrale. Coordinatore e docente del Master di Medicina Manuale Vertebrale, Metodiche Posturali e Tecniche Infiltrative in Riabilitazione  presso l’Università di Roma “LA SAPIENZA”, è il massimo esperto in Italia del metodo che vi stiamo per presentare.

Professor Brugnoni, cos’è l’autotrazione lombare?
E’ un metodo di cura conservativo, cioè senza intervento chirurgico, né alcun altro tipo di tecniche cruente. Utilizza un apposito lettino a piani mobili, su cui il paziente si tira ad apposite sbarre, mentre l’operatore muove i piani del lettino.

Quali sono le indicazioni terapeutiche ?
Tutta la patologia dolorosa benigna della colonna vertebrale lombare: lombalgie e sciatalgie da ernia discale, discopatie, e stenosi del canale lombare.

L’autotrazione è indicata anche su ernie recidivate o già  operate in passato?
Si, poiché è in grado di modificare la postura e il modo di muoversi interno della colonna

Quali sono le controindicazioni?
Malattie infettive acute, come la discite, i tumori della colonna vertebrale, le fratture, le gravi scoliosi strutturali, non quelle antalgiche, dovute al dolore, i disturbi neurologici gravi o che sono in via di evidente peggioramento, e  la sindrome della “cauda equina”.

Che risultati si ottengono con l’autotrazione e quante sedute sono necessarie?
Per le ernie discali lombari sono necessarie 6-8 sedute, per le stenosi 10-12. I risultati variano tra l’85% nelle ernie contenute al 70% nelle ernie espulse, stenosi ed esiti di intervento

E’ dolorosa?
Assolutamente no, si basa tutto sulla ricerca delle posizioni non dolorose

Chi esegue la seduta?
In genere un medico, ma anche un fisioterapista esperto nel metodo

Come si svolge  e quanto dura la seduta?
Si ricerca una posizione sul letto senza dolore, che in genere si trova facilmente date le caratteristiche del lettino, che consente di far assumere alla colonna vertebrale numerose posizioni, e poi si muovono i piani del letto fino  raggiungere altre posizioni,nelle quali il dolore sarà sparito definitivamente. La seduta dura circa mezzora.

E’ necessario sottoporsi a particolari esami prima di sottoporsi a questa metodica?
E’ necessaria la Risonanza magnetica o la TAC lombo-sacrale

Su cosa va ad agire l’autotrazione?
Agisce sia sul controllo neuromotorio dei muscoli della colonna, cambiandone i movimenti interni,sia sulla forma dell’ernia, che sul diametro funzionale del canale lombare, e forse anche sulla stasi venosa delle vene epidurali, che stanno a contatto dell’ernia.

Il paziente deve seguire particolari precauzioni dopo la seduta?
Deve osservare riposo lo stesso giorno se il dolore è intenso, e in genere sospendere la ginnastica e gli sport per tutto il periodo del trattamento.

Per maggiori informazioni sull’autotrazione lombare è possibile rivolgersi allo Studio Medico ALTRAMEDICINA, Tel. 380 - 415 0 410.

Bibliografia
1)Tesio L, Luccarelli G, Fornari M. L’auto-trazione vertebrale Lind-Natchev per le lombo-sciatalgie nell’ernia del disco lombare. Rivista di Neuroradiologia 1989;2 (Suppl.1):79-84.
2) Tesio L, Luccarelli G, Fornari M. Auto-traction treatment in lumbar disc herniation. In: Mathies H, Ed. Muscle spasms and pain. Procedings of the Sandoz International Symposium, Wien: Parthenon Press,1987;5-7.
3). Larsson U, Choler U et al. Auto-traction for Treatment of Lumbago-sciatica A Multicentre Controlled Investigation. Acta orthop scand 1980 51: 791-8.
4) Brugnoni G.Lombosciatalgie da patologia disco-radicolare: trattamento con Autotrazione.Atti Congresso “Linee Guida ed E.B.M. in Riabilitazione”, Roma 4-5 dicembre 2004.
 
You are here: Home

Contatti

STUDIO MEDICO "ALTRAMEDICINA"

  • Ind: Via Giordano Bruno 4 - 21046 Malnate (VA)
  • Tel: (+39) 380 4150410
  • Fax: (+39) 02 700 408 690.
  • Email: alessandro.scorba@gmail.com